Come ho curato la disbiosi.

Come ho curato la disbiosi.

Se soffri di problemi gastrointestinali, pancia gonfia, reflusso e disbiosi puoi dare un occhiata alla mie ricette sul GRUPPO UFFICIALE ti aspetto!

Quante volte vi siete sentite dire: “signora lei va oltre il suo peso forma, deve perdere tanti chili”, fino ad arrivare a: “le consiglio di consultare uno psicologo perché questa fame è causa di un disagio interiore”. Ci sono momenti cui uno psicologo può davvero darti una mano, ma esistono casi in cui il disagio è nella testa del curante, non sapendo che pesci prendere mette in gioco la carta dello psicologo, un ancora di salvezza, la sua salvezza, mentre il paziente sprofonda in un incredibile senso di inadeguatezza.

Come ho curato la disbiosi
Come ho curato la disbiosi

Tante diete solito effetto yoyo, decido di convivere con i miei chili, l’aspetto fisico non è tutto nella vita, ma la salute è importante, non sto bene. Il reflusso esofageo mi accompagna tutto il giorno brutta sensazione, il medico prescrive antiacidi e gastroprotettore, dice: non ce niente da fare, la valvola dello sfintere esofageo è difettosa, la soluzione è quella di assumere gastroprotettore a vita! Mi fido, ma inizia il mio calvario! La situazione non migliora, ho più fame, avverto la sensazione di pugno allo stomaco, un senso di vuoto che mi porta a mangiare, il disagio cresce.

disbiosi

La pancia gonfia è il sintomo più lampante, poi allergie, intolleranze, occhi gonfi, meteorismo, nodo alla gola, disordini intestinali, astenia, eritema in viso. Improvvisi dolori alle ginocchia, il medico replica: “il suo corpo ha un carico eccessivo, le ginocchia vanno in sofferenza”, continuo a non capire, la mia amica è ben oltre l’obesità ma piena di vita corre dietro al figlioletto. Al mattino la stanchezza è tanta, apro gli occhi e non ne ho voglia, devo alzarmi? Un “amica” mi chiama per uscire, mi nego sono troppo stanca, lei continua: per me sei depressa!

disbiosi

Bella mia datti una mossa, questa è proprio depressione, tuo marito sarà stanco! Gli amici … quelli di circostanza, quelli che ti avvelenano la vita, senza che tu te ne accorga. Osservo mio marito, si dedica alla casa, non si è mai arreso, cerca la soluzione, ti vede devastata e ti ama. Ma non te ne accorgi, annebbiata dal disprezzo personale. Sono stanca, diversa, un lamento continuo, guardo lo specchio, la mia immagine si sfuma. Decido di eliminare le relazioni intossicanti “i falsi amici”.

disbiosi

Nel frattempo ai dolori alle ginocchia si aggiungono quelli della spalla destra, braccio intorbidito, polsi doloranti, formicolio alle mani, pasti ricchi di pause silenziose. Serve un reumatologo il mio corpo è fuori controllo. Arriva lui … bello bello come la canzone del momento, posiziona l’indice sulla clavicola destra: ha dolore? Si certo! Ok soffre di una grave patologia la fibromialgia. Mi chiedo: avrà anche la palla magica? La visita con mago Zurlì 180 euro! Non mi fido, mi torna in mente mio nonno che diceva, il mio miglior medico sono io. Proseguo la ricerca senza perdermi d’animo.

disbiosi

Al tutto si aggiunge una bella cervicale, entra in ballo l’ortopedico. Dolore al tallone, sospetto infiammazione al tendine d’achille: “Signora mia, ma un viaggio a Lourdesse?” nel frattempo eseguiamo dei controlli più accurati, ecografie, risonanze e radiografie. Alla spalla artrosi da danno strutturale (il pastore tedesco mi strattona un po’ troppo), al tallone una strana spina calcaneare sono un escursionista ci sta, la condizione della spalla infiamma l’intera la struttura coinvolgendo cervicale e collo quindi tutto nella norma. E la fibromialgia che fine ha fatto? Chi avviserà mago Zurlì? E beh lo saprà già.

disbiosi

Ma dei problemi d’intestino e stomaco ne vogliamo parlare? Prurito su gambe e viso, eritema solare e reflusso eccessivo urge un allergologo. Inizia il bello, “tolga i latticini”, no “tolga il nichel”, no “provi a togliere l’istamina. Grazie a Dio ho incontrato una persona competente che ha posto un freno, “lei signora non può essere allergica a tutto, a mio parere soffre di “sibo”, condizione disbiosica dell’intestino che potrebbe portare ai suoi disturbi. Confusa più che mai ricerco informazioni, i sintomi sono gli stessi, l’allergologo ci ha visto bene.

Come ho curato la disbiosi

Punto della situazione, fibromialgica, depressa, artrosica, allergica e disbiosica? Rido sola, se le pronuncio velocemente annunciano allegria.  Il mio peggior difetto … la testardaggine, si è rivelato la migliore difesa. Cerco ancora … mi serve un essere con super potere “anti disbiosi” lo trovo subito e arriva il verdetto: “Silvy, hai un forte squilibrio intestinale a carattere disbiosico, in questo stato non potrai mai ritrovare il benessere”. Ho deciso, mi fido. Obiettivo? Ritrovare la mia salute.

disbiosi

Al secondo mese di terapia ho dimenticato tutti i miei dolori, ho scordato la fibromialgia, l’artrosi, i disagi intestinali digerisco anche le pietre, non sono gonfia, non soffro di emicranie, non sono stanca ma ho energia da vendere, mi curo solo con alimentazione mirata, il reflusso è in fase di remissione, non ho fame anzi dimentico di mangiare e senza neanche accorgermene ho perso 20 chili ed ho acquisito sicurezza personale.

disbiosi

La strada è lunga ma al mattino apro gli occhi e mi sveglio felice,  la dottoressa Simona Ragazzi è una perla rara, una persona speciale, il suo lavoro è passione dedizione e vocazione. Ho raggiunto un traguardo importante 40 anni e sto bene, senza la mia testa dura sarei ancora una pezza da piedi, incapace di vivere, bisogna mettere sempre tutto in discussione e volersi bene!

disbiosi

Ho festeggiato in giro per l’Italia, Venezia e Verona incantevoli teatri, compleanno da favola. La mia famiglia è il mio sostegno! Se soffri di problemi gastrointestinali quali colite, pancia gonfia, reflusso e disbiosi puoi dare un occhiata alla mie ricette sul GRUPPO UFFICIALE ti aspetto!

disbiosi

Spero che i miei scritti possano nel concreto aiutare chi soffre di disbiosi. Un abbraccio di luce da Silvy

Come ho curato la disbiosi
Come ho curato la disbiosi

Lascia un commento